dmarone31's blog

tartetatin:

“Mr Blecs I suppose…Here I am on my Table..” Blecs on my mind”

Ho raccolto il guanto si sfida lanciato da …@rossella76 e ho deciso di lasciarmi catturare da questa magica parolina, attirata dalla semplicità degli ingredienti quindi dalla loro essenza.

Ho accostato il grano saraceno all’autunno e ai suoi colori, al contrasto un po’ ruvido tra la zucca, lo speck e il timo ed ecco i miei #Blecs color arancio…

Ingredienti per i Blecs:

  • 150 grammi di farina di grano saraceno Ecor
  • 150 gr di farina di frumento Mulino Marino
  • 150 gr. di burro
  • 3 uova
  • sale
  • qualche cucchiaio di acqua.

Sugo alla Zucca

  • una fetta di zucca bitorzoluta (qui viene chiamata “cappello del prete” di circa 350 gr
  • due scalogni
  • 150 gr circa di speck in una sola fetta
  • 3/4  rametti timo (se fresco ) o secco
  • qualche fogliolina di salvia fresca
  • dado vegetale
  • Parmigiano Reggiano o di Gruyere o altro formaggio saporito
  • noce moscata
  • un bicchiere di latte
  • sale , pepe nero.

La preparazione dei blecs è molto semplice ma molto antica: infatti basta fare la “fontana” con le farine mescolate, aggiungere le uova al centro, il burro appena morbido tagliato a tocchetti, il sale e qualche cucchiaio d’acqua a temperatura ambiente (tiepida)  e  iniziare a impastare, pasticciandosi le mani, sporcandosi allegramente e non potendo proprio fare niente altro..Ci si dedica totalmente, come con un bambino: per quei momenti si è totalmente fatti di farina,uova e burro.. E’ il momento più bello, più antico e più naturale: tutto accade come se si seguisse una strada già tracciata.

E l’impasto si forma, si rassoda, è fatto.. Lo si stende con un mattarello di legno estratto da qualche cassetto un po’ scomodo (mica tutti i giorni si “tira” la pasta”..e al fondo del cassetto medesimo si trova la rondella consunta e un po’..lucida che la nonna usava per tagliare la pasta degli agnolotti. Si tagliano triangoli, rombi, anche rettangoli lasciandoli poi riposare un po’ .Intanto si bolle l’acqua con un dado vegetale, un pizzico di sale e vi si tuffano i blecs orami pronti.. Pochi minuti, si scolano si dispongono sul piatto avvolgendoli nel ..Sugo alla Zucca…

Sugo alla Zucca

In una pentola di coccio lasciar rosolare lo scalogno con un po’ di burro, unire dadini di speck e solo quando entrambi saranno trasparenti unire la zucca quadrettata… Lasciarla colorire, unire i rametti di timo e salvia..e aggiungere qualche cucchiaio di latte per non farla seccare troppo..

A metà cottura..dividere la zucca (solo quella) in un altra pentolina, grattuggiare un bel po’ di parmigiano unire una noce di burro e mezzo bicchiere di latte: lasciarla cuocere dolcemente..L’altra parte di zucca con speck e timo sarà cotta sempre morbidamente. Quando la zucca con il formaggio sarà morbida e cotta la si passerà riducendola a una crema gialla aggiungendo una grattatina di noce moscata.

Sui blecs bollenti si versa morbidamente la crema di zucca (come avvolgerli in una dolce coperta) si uniscono i quadrotti rosolati di zucca e speck..si spolvera ancora con un po’ di formaggio robusto  e una dose di pepe nero magari spargendo qualche fogliolina di timo qua e là..e

Bon Appetit!

elenabardelli:

Se non so dire cosa sento dentro 
come un cieco come un sordo, 
se non so fare quel che si deve fare 
come una scimmia come un gatto, 
se non so amare come si deve amare 
come un bambino come un cretino, 
se non so dare come una tasca vuota 
come un problema ormai risolto. 
Averti addosso 
si, come una camicia come un cappotto 
come una tasca piena come un bottone 
come una foglia morta come un rimpianto. 
Averti addosso 
come le mie mani, come un colore, 
come la mia voce, la mia stanchezza 
come una gioia nuova, come un regalo. 
E se il mio cuore vuole essere una bocca che ti cerca e che ti inghiotte 
così mi porto dentro la tua vita 
questa canzone mai finita. 
Averti addosso 
si, come una camicia come un cappotto 
come una tasca piena come un bottone 
come una foglia morta come un rimpianto. 
Averti addosso 
come le mie mani, come un colore, 
come la mia voce, la mia stanchezza 
come una gioia nuova, come un regalo. 
Averti addosso 
come la mia estate di S. Martino 
come una ruga nuova come un sorriso 
come un indizio falso come una colpa. 
Averti addosso 
come un giorno di sole a metà di maggio 
che scalda la tua pelle e ti scioglie il cuore 
e che ti da la forza di ricominciare. 
Averti addosso 
averti insieme 
restare insieme, volerti bene. 
Averti addosso 
averti insieme 
restare insieme, volerti bene. 


tirebouchon:

Bartolo e Maria Teresa Mascarello, estratto dal film @langhedoc_movie

http://www.langhedoc.it/film.html

elenabardelli:

Non ho fame, non ho sete, non ho sonno… semplicemente non ho e probabilmente Morfeo mi odia, mi tira tranelli di sonno pieni di incubi dai quali non si riesce ad uscire. Come sospesa nel nulla, il buio, il silenzio. Tutto si amplifica, i minuti sembrano ore ed è come essere nello spazio ed avere…

tirebouchon:

#ascuoladisud con Davide Marone

Musto Carmelitano, Aglianico, Vulture, Basilicata, Italia

http://dmarone31.wordpress.com/2011/06/23/musto-carmelitano-basilicata-rosso-igt-maschitano-rosso-2009/

veryvaleria:

Tumblr!
tirebouchon:

keep calm and…

veryvaleria:

Tumblr!

tirebouchon:

keep calm and…

riccardoav:

  • Produttore: Az. Vinicola Carbone
  • Vino: Stupor Mundi - Aglianico del Vulture
  • Denominazione: Aglianico del Vulture D.O.C.
  • Vitigno: Aglianico 100%
  • Annata: 2006
  • Tit. Alcolemico 14% vol
  • Prezzo: 22/28 €
  • Url: www.carbonevini.it

Tutto è nato dopo la scorsa estate quando, insieme alla…

barbera2:

#barbera2 second QR code, linking directly to this blog

barbera2:

#barbera2 second QR code, linking directly to this blog

sarartusa:

A volte ci sono emozioni che ti aspettano dietro l’angolo.

Quella piccina sorridente, illuminata da un piccolo raggio di sole, eri lì ad accogliermi presso la Casa dell’Artista: impossibile non catturarla, lasciando poi far volare la fantasia su chi potesse essere.

Ho vissuto l’evento(festa)…

riccardoav:

Alcune bottiglie di Grignolino!

L’ingresso della Casa dell’Artista, dove si è tenuta la degustazione.

La sala degustazione si riempie.

Convivialità pre degustazione.

Vittorio Rusinà aka Tirebouchon mentre intrattiene e saluta i partecipanti.

Tutti Pronti!